Educazione alla legalità

Associazione culturale Arco del Murorotto - 21 gennaio 2005 - Castellod i Caccuri

 

           
          Il procuratore della Repubblica dott.  Franco Tricoli                   Il dott. Eugenio Facciolla  della DDA                               



" La legalità deve essere tutelata da tutti i cittadini perché essa deve essere un valore condiviso". E' questo il succo del convegno sulla educazione alla legalità organizzato dall'associazione culturale Arco di Murorotto,  così come sintetizzato nelle conclusioni del Procuratore della Repubblica di Crotone dott. Franco Tricoli. Nel corso del suo intervento il magistrato crotonese ha lamentato la scarsa tensione morale di cittadini e istituzioni e il "silenzio assordante" della società che non protesta contro la criminalità, ma che a volte manifesta solidarietà nei confronti degli indagati. Secondo il magistrato oggi c'è anche un tentativo di mettere sotto tutela la magistratura, mentre c'è gente che, stranamente, esibisce con orgoglio la prescrizione del reato. In precedenza era intervenuto anche il sostituto procuratore della DDA di Catanzaro dott. Facciolla che ha elogiato la collettività caccurese per aver organizzato un convegno che tende a promuovere la cultura della legalità pur non essendo la cittadina interessata, al momento, da episodi di criminalità. Il presidente dell'associazione culturale Marianna Caligiuri, nell'introdurre i lavori, aveva osservato come Caccuri non sia interessata da tali fenomeni proprio perché protetta da una cultura e da una sensibilità particolare, ma è bene vigilare perché, anche in futuro, si possa impedire la penetrazione di organizzazioni criminali nel nostro  territorio. Al convegno sono intervenuti anche Romeo Fauci, presidente provinciale del CONI, don Serafino Parise, direttore della Laleo e il dott. Tommaso Pupo delle ACLI provinciali. Un folto pubblico ha seguito i lavori del convegno anche grazie ad uno schermo gigante che ha consentito a coloro i quali non avevano trovato posto nella prima sala del castello di assistere alla iniziativa. Tra le autorità presenti in sala il maresciallo Salvatore  Merandi, comandante della stazione dei carabinieri di Caccuri, il maresciallo Francesco Tamburello della sezione di polizia giudiziaria presso il tribunale di Crotone e il vice sindaco di Castelsilano Pietro Durante. 

  
                  
Parte del pubblico                                                             Il pubblico segue il convegno sul max schermo