/

 Notizie e commenti

Mercoledì 17 Luglio 2019

Per l'archivio degli anni precedenti clicca sul globo 
 
Scrivi al sito          

                                                                
                           
     

          NOTIZIE 
             

 
E' morta Francesca Sgro, vedova Figoni

 LIBRI, CULTURA E PROPOSTE ALLA II^ GIORNATA DELLA CONOSCENZA
         
IL LUOGOTENENTE TABURELLO AL COMANDO DEI CC. DI SAN GIOVANNI IN FIORE

UNA GIORNATA DELLA CONOSCENZA AL BORDO' 

ADDIO A PEPPINA FODERO

INSEDIATO IL NUOVO CONSIGLIO COMUNALE

GLI ABUSI DELLE BANCHE IN UN CONVEGNO A COTRONEI

 MAURIZIO MESORACA "CONQUISTA" ROMA

L’UPMED CHIUDE L’ANNO ACCADEMICO COL III QUADERNO

INSIEME PER CACCURI E IL SINDACO CALIGIURI TRIONFANO ALLE AMMINISTRATIVE

EUROPEE: A CACCURI PD DI NUOVO PRIMO PARTITO

LA GENEALOGIA EPISCOPALE DI CROTONE IN UN LIBRO DI DON PIETRO PONTIERI


IL PRESIDENTE MESORACA CHIUDE IL CORSO DI STORIA DELL'UPMED

     Il FATTO 

SI E' SPENTA UNA STELLA - ADDIO, MAESTRO CAMILLERI

 IL POPOLO AMMAESTRATO CHE NON FA PAURA


 BOLLETTE ALL'ITALIANA: LA TRUFFA DEL CONSUMO PRESUNTO
          

                       IL FATTO  

                                        
       SI E' SPENTA UNA STELLA - ADDIO, MAESTRO         
       CAMILLERI



    Oggi si è spenta una stella, non una stella nana, ma una delle più grandi, delle più fulgide nel firmamento culturale. Si è spento uno dei pochi fari che indicavano un approdo sicuro agli uomini di buona volontà, a quelli che  conservano ancora un briciolo di umanità, di pietà, di saggezza, di tolleranza di cultura, si di quella cultura che ha fatto del Mediterraneo un luogo di incontro e di proficui scambi commerciali e culturali, di pace, di civiltà per molti secoli, il mare, come si ha insegnato quest'uomo saggio, sanguigno, di grandi passioni, ma nel contempo mite, sul quale i pescatori delle due sponde parlavano un'unica lingua e si capivano benissimo. Non trovo altre parole per dare l'addio al Maestro Camilleri i cui libri ho letteralmente divorato per anni e che custodisco gelosamente nella mia biblioteca, quelli della seri del commissario Montalbano, ma anche i suoi saggi, i suoi romanzi brevi, La stagione della caccia, La scomparsa di Patò, Un filo di fumo, Il birraio di Preston, La strage dimenticata, capolavori assoluti che ogni uomo di cultura dovrebbe leggere e meditare. 
Addio, Maestro, sarà dura e tetra la nostra esistenza senza la tua luce, i tuoi insegnamenti. Grazie per tutto quello che ci hai dato. 

 

        IL POPOLO AMMAESTRATO CHE NON FA PAURA

 

 


Godetevi il successo, godete finché dura
Che il pubblico è ammaestrato e non vi fa paura
E andate chissà dove per non pagar le tasse
Col ghigno e l'ignoranza dei primi della classe

Francesco Guccini

 
Prendo in prestito questi bellissimi versi del grande Francesco Guccini dedicati probabilmente a a qualche suo collega, ma che si attagliano perfettamente a certi nostri politici oggi in groppa. Se il pubblico (il popolo, gli elettori come li definiva Berlusconi)  non fosse ammaestrato di fronte a questo clamoroso voltafaccia sarebbe insorto o perlomeno li avrebbe ricoperti di sberleffi, di pernacchie per dirla con Totò, ma siccome è ammaestrato, non fa loro paura. Oggi sono tutti felici e "cantanti", ma qualche anno fa sia il capitano che Giggino, per non parlare della Raggi per la quale era da "irresponsabili il si alla candidatura di Roma" sparavano a zero contro i giochi olimpici. "Pensionati a rischio di povertà, le aziende non sono in grado di rinnovare i contratti, i giovani vanno via all'estero e il Governo parla di Olimpiadi" tuonava Giggino quando a palazzo Chigi sedeva il genio di Rignano e il Salvini con la felpa della neuro: "Gente che i Italia aspetta una casa e un lavoro da anni e Renzi pensa di fare le olimpiadi: ricoveratelooooo"! Sembra passato un secolo: oggi i pensionati sono tutti straricchi, ognuno, tranne Morgan ha una casa, i giovani lavorano tutti in Italia, non c'è un cane che non abbia un lavoro, Renzi è stato finalmente rottamato e allora via ai bagordi! 

                          GRAZIE,  AMICI

 

  Cari amici,
vi chiedo scusa se non ho risposto singolarmente ai vostri auguri per il mio sessantanovesimo compleanno, ma non mi è stato davvero possibile. Tra telefonate, messaggi su Wathsapp, messenger e facebook avete superato quota 500. Di fronte a una così grande dimostrazione di affetto, che dire? Spero di arrivarci anch'io a 500 (anni), ovviamente insieme a tutti voi', nelle condizioni nelle quali ci troviamo oggi, nella pace, nella salute e nella concordia. Un abbraccio colossale. 

 

              AUGURI, PRESIDENTE

   Tra gli esponenti più attivi, anche se non si possono e non si devono fare graduatorie in una squadra di bravi e volenterosi ragazzi, figura il mio giovane vecchio compagno Vito Salerno, un veterano al suo terzo mandato amministrativo, uno dei motori più potenti ed efficienti delle due precedenti amministrazioni. Cesare è un ragazzo umile, sempre disponibile all’ascolto, disinteressato e tempestivo nella soluzione dei problemi che gli vengono segnalati o dei quali viene a conoscenza da solo. Ieri è stato eletto presidente del Consiglio e, francamente, credo sia molto, migliore di Conte. Un augurio di buon lavoro e un abbraccio affettuosissimo all’amico e al compagno.

 

BOLLETTE ALL'ITALIANA: LA TRUFFA DEL CONSUMO PRESUNTO
 

    

Recita un antico adagio caccurese: “I sordi fau sordi e li pirucchji fannu pirucchji! Laddove per sordi non s’intendono le persone affette da ipoacusia, ma i danari, i bajocchi, gli schèi, fate voi e i pirucchji sono gli ospiti indesiderati delle nostre teste. Il significato è chiaro: chi possiede molto denaro trova sempre il modo (anche scorretto, come vedremo in seguito), soprattutto se governi inetti glielo permettono (parlo di governi, non esclusivamente del governo in carica, anche se quello giallo verde non sfugge alla regola).
   Qualche mese fa ho cambiato il fornitore di luce e gas, così come feci un paio di anni fa e qualche giorno fa mi è pervenuto un assegno di 386 euro e rotto (trecentoottantasei, badate bene) a titolo di rimborso eccedenze, cioè di soldi 386 euro miei che la compagnia che mi fornisce il gas tratteneva con un sistema discutibile di fatturazione basato, mi spiegano persone competenti, su un consumo presunto che avrei potuto fare, ma che non ho fatto. Identica cosa mi capito tre anni fa quando cambiai un’altra volta fornitore e il rimborso fu di 285 euro. Poiché non mi ritengo una persona speciale, presumo che lo stesso trattamento venga riservato da tutte le compagnie a tutti gli utenti italiani. Provate a moltiplicare la metà o anche un terzo di queste somme per qualche milione di utenti e otterrete la spaventosa montagna di soldi nostri che questi signori trattengono per mesi e con la quale posso comprarsi e vendere tra loro, acquisire nuove società, fare investimenti senza darci un centesimo di interessi, anzi caricandoci sulla bolletta voci assurde come spese per la materia prima, spese per trasporto energia e per la gestione del contatore (quale gestione?), spese per gli oneri di sistema e altre partite (che poi io le partite non le guardo nemmeno in televisione). Un vero e proprio accumulo di “capitale primario” con i nostri soldi. Per evitare questa vergogna, ci spiegano i fornitori, si potrebbe ricorrere all’ autolettura, ovvero dovremmo trasformarci a titolo gratuito nei loro letturisti che si guardano bene dall’assumere per risparmiare all’osso e perdere minuti preziosi del nostro tempo rinunciando a qualche minuto di relax per metterci davanti a un pc o al telefono per comunicare i dati. Ma a questo punto, a che diavolo servono i contatori per la tele lettura installati qualche anno fa facendoli pagare probabilmente a noi? A che servono i governi, le autorità garanti etc.? Ora mi spiego perché trovarono il modo di far fuori Bersani quando ci librò dalla mazzetta che le compagnie telefoniche ci applicavano a ogni ricarica, le banche a ogni chiusura di conto corrente o estinzione anticipata di un mutuo e le compagnie di assicurazione a ogni insignificante incidente.

                                   ULTIME NOTIZIE  

05/07/2O19  

               E' morta Francesca Sgro, vedova Figoni

  
  
Ho appreso solo nella tarda serata di ieri la triste notizia del decesso, a Busseto, dove risiedeva da anni, della nostra compaesana Francesca Sgro, vedova Figoni, conosciuta da tutti come Checcchina. Francesca, rampolla dell'illustre famiglia Sgro, figlia di mastro Francesco e nipote di Peppino, grandi artigiani, il primo priore della Congregazione del SS: Rosario e il secondo autore della bara del Cristo custodita nella chiesa di Santa Maria delle Grazie, era sorella del generale Vincenzo Sgro, uno dei nostri più illustri concittadini. In questo momento di dolore sono vicino ai figli Vanda e Gianni, ai nipoti e ai parenti tutti. 

30/06/2O19

      LIBRI, CULTURA E PROPOSTE ALLA II^ GIORNATA DELLA CONOSCENZA



  Bellissimo pomeriggio all'insegna della "conoscenza" quello di ieri. presso la Grancia del Vurdoj, con gli amici  Gianni De Simone, editore e direttore de Il CalabrOne, Maurizio Mesoraca, presiedente dell'Upmed, la scrittrice Angelina Brasacchio e Bruno Cortese, assessore alla cultura del Comune di Santa Severina e presidente dei Borghi più belli d'Italia per la presentazione del romanzo storico Faillo il Pitionico, di Gianluca Facente che racconta la storia romanzata di Faillo, atleta e condottiero crotoniate (realmente esistito) che combatté a Salamina contro i persiani in appoggio ai greci e del III quaderno dell'UPMED su 12 Personaggi  ed eventi di Calabria, opera di 12 storici locali e ricercatori tra i quali il sottoscritto.  La presentazione dei due volumi è stata anche e soprattutto l'occasione per fare proposte e definire il futuro della Giornata della conoscenza,  una creatura di Gianni De Simone alla sua seconda edizione che in futuro sarà finalizzata alla promozione della conoscenza della storia locale, delle risorse ambientali, della flora, delle biodiversità, ma anche delle risorse umane, culturali, artistiche, delle potenzialità di questa nostra terra sulle quali puntare per promuoverne lo sviluppo economico e sociale. Un appuntamento a calendario fisso che dovrà coinvolgere gli enti locali, intellettuali, scuole e università, ma soprattutto le nuove generazioni, come ha fatto rilevare il giovane archeologo e scrittore Gianluca Facente, che dovranno innamorarsi della loro terra e investirci il loro futuro.
   La serata è stata  contrappuntata dall'esibizione della bravissima cantautrice  cutrese di origini siciliane, come testimonia il suo cognome,  Dorotea Li Causi, artista poliedrica che si interessa anche di pittura, materia nella quale ha conseguito la laurea presso l’Accademia delle Belle Arti “Fidia” di Vibo Valentia, e abbigliamento e che ha rappresentato la Calabria al Sanremo Rock e dalla mostra delle opere dell'artista sangiovannese Maria Rosaria Loria. Ovviamente uno dei pezzi forti della serata è stata la squisita cena preparata e consumata in uno dei posti più belli dell'intera provincia a 500 metri in linea d'aria dallo storico borgo caccurese.

 

22/06/2O19

  IL LUOGOTENENTE TABURELLO AL COMANDO DEI CC. DI SAN GIOVANNI IN FIORE



    Da oggi il luogotenente Francesco Tamburello, è il nuovo comandante della Stazione dei carabinieri di San Giovanni in Fiore, fino a qualche decennio fa sede di tenenza. Originario di Cianciana, una ridente cittadina in provincia di Agrigento, risiede a Caccuri dal 1993 avendo sposato la nostra concittadina Daniela Lacaria. 
    Arrolatosi nell'arma nel 1989, il luogotenente Tamburello ha prestato servizio a Cirò Marina, Caccuri, Rende, nella Tenenza di Petilia Policastro  e,  per alcuni anni, a Crotone presso la Procura della Repubblica nel nucleo di polizia giudiziaria. Una carriera davvero brillante, quella del nostro concittadino acquisito che gode della stima e del rispetto di tutti, anche per il suo impegno nel sociale e il suo carattere aperto e gioviale, ma noi siamo sicuri che in futuro, per il suo alto senso del dovere, l'equilibrio, il garbo, la capacità di comando, sarà destinato a incarichi sempre più importanti e prestigiosi a tutela della nostra sicurezza. 
   Al nostro caro comandante gli auguri più sinceri e più affettuosi da L'Isola Amena e da tutti gli amici caccuresi. Ad maiora semper. 

21/06/2O19 

                             UNA GIORNATA DELLA CONOSCENZA AL BORDO' 

   Sabato 29 giugno, presso la Grancia del Vurdoj (Bordò per i caccuresi) l'agriturismo nato nell'antico feudo di Ruggero Saraceno, poi regalato da Costanza d'Aragona all'abate Gioacchino, la casa Editrice publiGrafic e il CalabrOne, organizzano la II Giornata dedicata alla Conoscenza, un evento che si aprirà con una visita ai resti di Akeronthia per proseguire con la presentazione del III Quaderno dell'UPMED 12 Personaggi ed eventi di Calabria, una collana alla quale mi onoro di collaborare,  e del romanzo Faillo il Pitionico dello scrittore crotonese Gianluca Facente. Seguirà un dibattito sul tema: L'importanza delle attività culturali e la valorizzazione dei personaggi illustri e dei siti storico - archeologici attraverso le pubblicazioni e la divulgazione. 
Dibattiti e presentazioni saranno contrappuntati da intermezzi musicali e da stand che esporranno creazioni artistiche. Insomma una giornata dedicata alla cultura, alla storia e all'archeologia locale per valorizzare e far conoscere il nostro patrimonio storico, monumentale, umano, i grandi intellettuali, artisti, scienziati calabresi che nel corso dei secoli, ma anche in tempi più recenti, hanno dato un notevolissimo contributo al progresso dell'umanità, basti pensare a gente come Luigi Lilio, Leonardo Vinci, Cicco Simonetta, per citarne solo alcuni. 
Un plauso a Gianni De Simone, al nostro presidente Maurizio Mesoraca   e agli altri amici che hanno organizzato l'evento. 

20/06/2O19 

                  ADDIO A PEPPINA FODERO

   

    Ho appreso con dolore la notizia della scomparsa, all'età di 90 anni, di Peppina Fodero, una carissima amica con la quale, assieme al marito, il compianto Antonio Succurro e la sua famiglia abbiamo vissuto momenti esaltanti e felici. Peppina era una donna semplice, sincera, leale e gioviale. L'amicizia con la mia famiglia nacque già ella prima metà del secolo scorso quando Peppina abitava a 10 metri dalla casa di nonno Peppino, cosa che nei nostri paesi, rafforza i vincoli di amicizia e di solidarietà. Con lei si spegne il sorriso, un sorriso solare che illuminava il suo volto e che nasceva dal profondo dell'animo. Giungano alle figlie Giovanna e Rosa e ai nipoti tutti le nostre più sentite condoglianze. Addio, Peppina, il tuo ricordo ci farà sempre compagnia e lo ricorderemo come una delle cose più belle della nostra vita.  

15/06/2O19      

                  INSEDIATO IL NUOVO CONSIGLIO COMUNALE

 

 



      Si è insediato ieri pomeriggio, nella stupenda cornice del bastione del castello, ai piedi della torre del Mastrigli, il nuovo consiglio comunale eletto lo scorso 26 maggio. In questa prima seduta, dopo la convalida degli eletti e il giuramento del sindaco Marianna Caligiuri al suo terzo mandato, il primo cittadino ha comunicato il nome dei nuovi assessori, Antonio Silletta, vice sindaco, e Francesco Basile. Si è poi proceduto all'elezione del presidente del consiglio comunale, carica che sarà ricoperta da Vito Salerno, già consigliere nelle due precedenti amministrazioni e dei membri titolari e supplenti della commissione elettorale. Infine il sindaco ha enunciato le linee programmatiche dell'Amministrazione precisando più volte che tutti i consiglieri, Mario Mirandi, Giusi Marasco, Giuseppe Drago, Giovanni Fabiano, lo stesso Vito Salerno, avranno incarichi di responsabilità e che il suo staff sarà composto dalle tre donne, Anna Calfa, Francesca Pasculli e Maria Pugliese che non sono risultate elette. Insomma una squadra forte per un efficace gioco di squadra. Ad assistere a questa prima seduta del massimo consesso, un pubblico nutrito di sostenitori della lista Insieme si può che ha vinto le elezioni.
Buon lavoro a tutti voi, ragazzi. 

14/06/2O19

              GLI ABUSI DELLE BANCHE IN UN CONVEGNO A COTRONEI

    Venerdì 21 giugno, alle ore 16,30, nell'aula consiliare del Comune di Cotronei si terrà un importante convegno sul tema "Abusi delle banche e anomalie nei contratti bancari alla luce dei più recenti orientamenti giurisprudenziali", un evento accreditato dall'Ordine degli avvocati e da quello dei commercialisti ai fini della formazione professionale.
    Tra i relatori dell'evento, al quale parteciperanno anche i presidenti provinciali dei rispettivi ordini, avv. Giuseppe Gallo e dott. Luigi Domenico Arcuri, il nostro concittadino avvocato Luigi Quintieri, uno dei più accreditati professionisti della regione. All'amico avvocato Quintieri i miei più sinceri complimenti e un grande in bocca al lupo per la sua già splendida carriera. 

08/06/2O19

                   MAURIZIO MESORACA "CONQUISTA" ROMA

  Grande successo del saggio di Maurizio Mesoraca su Diego Tajani, magistrato cutrese e poi senatore e ministro del Regno, uno dei primi (forse il primo) magistrato e politico che denunciò, negli ultimi decenni del XIX secolo,  con forza e pagandone anche un prezzo, le collusioni tra la mafia, politici e uomini delle istituzioni, un uomo probo che lasciò la magistratura quando si rese conto che il suo lavoro di lotta e di repressione della criminalità organizzata e contro questori e prefetti collusi veniva sabotato dai governi del tempo e si diede alla politica come avrebbero poi fatto nel secolo successivo molti suoi colleghi. Un libro che tutti i meridionali dovrebbero leggere per capire com’è nata la mafia e a chi facevano comodo le collusioni e le sue infiltrazioni nei gangli vitali dello stato.  Ma il libro di Maurizio è anche molto altro.
   Giovedì scorso il volume è stato presentato a Roma con relatori di prestigio come Pietro Grasso, ex procuratore nazionale antimafia ed ex presidente del Senato, l’on. Roberto Morassut, politico e saggista, lo scrittore Venanzio Nocchi e il presidente nazionale dell’Unieda Francesco Florenzano
.

31/05/2O19  

        L’UPMED CHIUDE L’ANNO ACCADEMICO COL III QUADERNO

   Grande pomeriggio all’insegna della cultura quello di ieri 30 maggio, nel salone del Dopolavoro ferroviario di Crotone, con la chiusura dell’anno accademico 2018/ 2019 dell’Università popolare del Mediterraneo. Per l’occasione, a conclusione del corso di storia, archeologia e storia dell’arte, è stato presentato il III quaderno dell’UPMED dal titolo “Personaggi ed eventi di Calabria”, un’opera scritta da 13 ricercatori e storici locali che fa seguito ai primi due editi nel 2017 e nel 2018. 
   Per l’occasione l’Associazione culturale crotonese ha organizzato in dibattito sul tema “La storia generale e locale al servizio della cultura e dello sviluppo del territorio” con la partecipazione del prof. Giovanni Latorre, già Rettore dell’Università della Calabria e della professoressa Marta Petrusewicz, ordinaria di storia moderna all’Unical.
   Qui sopra un video che documenta l'inizativa. 
   

27/05/2O19

INSIEME PER CACCURI E IL SINDACO CALIGIURI TRIONFANO ALLE AMMINISTRATIVE


      
Con 607 voti contro i 510 della lista Progetto per Caccuri che candidava a sindaco il dott. Pasquale Loria, Marianna Caligiuri, avvocato, esponente del PD, è stata riconfermata per la terza volta alla guida del Comune di Caccuri alla testa della lista Insieme si può. Tra i più votati della lista vincente figurano Antonio Silletta con 102 preferenze, Francesco Basile con 82 e Vito Salerno, consigliere comunale uscente tra i più attivi e i più stimati tra i consiglieri degli ultimi dieci anni. Silletta e Basile, in virtù dei consensi ricevuti ricopriranno la carica di assessore. La compagine vincente, formata da giovani con un’età media intorno ai trent’anni, appare coesa, capace e determinata e in grado di ridare slancio all’Amministrazione e risposte ai problemi della popolazione. Ai nuovi eletti e al sindaco riconfermato gli auguri più sinceri di buon lavoro

 

27/05/2O19

       EUROPEE: A CACCURI PD DI NUOVO PRIMO PARTITO



   Risultato per certi aspetti in controtendenza quello di Caccuri, almeno rispetto a molte realtà meridionali con un PD che risulta, seppure per soli 7 voti, ancora il primo partito, seguito a una incollatura dalla Lega e dal M5S staccato di 65 voti. Solo quarto il partito dell'ex cavaliere con 113 voti seguito dai fratelli della Meloni, Risultato deludente per La Sinistra che non sfionda la soglia del 2% e del PCI, mentre scopriamo di avere tra noi persino 4 pirati, cosa che non si era verificata nemmeno all'epoca delle invasioni saracene.

                                                         La pagina è aperta ai contributi dei visitatori -  Contribuite a crearla giorno per giorno. 
                                                           Per inviare il vostro contributo cliccate sulla busta
    

                                                                                                                             

 

2

3    

Hista

-

*/*/