Artisti caccuresi

 

   Indice
 (Clicca sul nome)

 

      Eugenio Marino

       Giovanni Guzzo

     
Salvatore Gigliotti

Giuseppe Sganga

Giuseppe Noce

Enzo Loria
Peppino Nesci
Luisa Marino

Emilio Drago

Nenè Rao

Mario Quintieri  

 

 

 

                                  Eugenio Marino

 
                                             Eugenio Marino nella sua casa di Caccuri          

      Mio padre è sempre stato un artista atipico, una persona semplice che ha scolpito, dipinto, costruito strumenti musicali per sé o per gli amici senza mai ricavarne nulla, senza mai pretendere riconoscimenti o ricompense.
     Falegname, apprezzato fabbricante di mobili, scultore, pittore, liutaio, quando da giovane avrebbe potuto sfruttare queste sue doti, i tempi grami non gliene diedero l’opportunità. E così è sempre vissuto d’altro,  nella sua dignitosa povertà.
     Ha partecipato a diverse mostre, da una collettiva tenutasi a S. Severina negli anni ’80, alla 1^ Collettiva d’Arte Alto Crotonese con le sue sculture in legno, le sue chitarre, le sue mandole

    
                    Cristo (Bassorilievo)                                      Mosè, Mandola, Donna con veli

        
                     Lume                                                                                     Cane

 

Torna all'inizio


                    Giuseppe Sganga, un artista poliedrico

                            
                          
Giuseppe Sganga e la "sua Venere"
   

Giuseppe Sganga, autodidatta, vive e lavora a Caccuri dove è nato nel 1947. L'artista discende da una famiglia di celebri scalpellini autori di numerose opere quali portali lapidei, pavimentazioni artistiche, caminetti ed altri manufatti. Dal padre ha ereditato la passione per la scultura tanto che, sin da giovanissimo, si è dedicato a questa nobile arte.

Da imprenditore edile, negli anni scorsi, ha realizzato centinaia di caminetti in pietra con modelli da egli stesso ideati e concepiti, arredi di giardini privati ed altre opere. Si è poi dedicato con passione alla tecnica dello sbalzo su rame realizzando decine e decine di capolavori. Di particolare valore artistico il bassorilievo "Tenerezza materna" nel quale Sganga rappresenta una originale maternità. In quest'opera due possenti braccia materne sostengono e rassicurano un bambino che cerca e trova sul seno della genitrice l'agognata serenità. Tra le altre opere degne di rilievo, tutte a sbalzo su rame, vanno annoverate "Amore ed innocenza", "Vanità e solitudine", pregevole nudo femminile, "Pace e libertà '', "Il Sacro cuore di Parigi", riproduzione della celebre chiesa parigina di Montmartre, "Madre Teresa di Calcutta" ed un "Vaso" istoriato.

Recentemente ha realizzato una copia a grandezza naturale, sempre a sbalzo su rame, della celebre "Venere" del Botticelli", uno spettacolare bassorilievo esposto al pubblico nel corso del convegno "Proposta giovani in - Caccuri 2000" che si è tenuto a Caccuri il 27 dicembre 2000.

 

Le opere di Sganga si fanno ammirare oltre che per la perfezione tecnica, anche per l'espressione serena e, nel contempo, teneramente malinconica che sa dare ai volti dei suoi personaggi e che testimoniano un equilibrio ed una maturità interiore degni di un vero artista.

Peppino Sganga, oltre ad essere un bravo artista, è anche un grande esperto di computer, insuperabile nella realizzazione di effetti grafici, video, elaborazioni fotografiche e tutto ciò che ha a che fare con la multimedialità


                                                    Giuseppe Marino       

 



Peppino Sganga vive e lavora a Caccuri in via G. Dardani    43      Tel. 0984 998639   
 E mail:  psganga@libero.it

 

 


                           

               Torna all'inizio

                 Giuseppe Noce, un artigiano artista

                
                                   
Peppino Noce

            

  Giuseppe Noce,  pensionato,  già artigiano e contitolare di una apprezzata impresa edile, ha trovato il modo, dopo decenni di duro ed onorato lavoro come muratore, di farci apprezzare le sue doti artistiche. “Lo faccio  per non mettere il cervello a riposo”, tiene a sottolineare  Peppino, il nome col quale gli amici lo conoscono.  Comunque, indipendentemente dal motivo che lo ha spinto a realizzare le opere presentate in questa pagina e le tante altre  che, ovviamente, non possono trovarvi posto, si può affermare , senza ombra di dubbio, che i  lavori di questo artista – artigiano sono veramente pregevoli e testimoniano, ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, della grande tradizione artistica caccurese, in gran parte dispersa, come è stato nel caso di Peppino Noce, dall’emigrazione.

      

   Nato a Caccuri nel 1936, è emigrato, con tutta la famiglia, a San Fermo della Battaglia nel 1961 nonostante nel suo paese natio il lavoro non gli mancasse.   Si è poi stabilito a Como dove,  insieme al padre e ai fratelli Pasquale e Enzo, ha creato una impresa edile molto affermata, senza, però, mai dimenticare le origini caccuresi e rimanendo sempre legato al suo paese natio. 

  

    

Da quando l'artista ha iniziato questa nuova attività, nell'agosto 2000, ha realizzato circa trenta opere  tra quadretti, tavolini, scacchiere ed altri lavori a mosaico utilizzando scaglie di marmo di vari colori. Si tratta di composizioni geometriche e figurative con scene istoriate di soggetto vario (la caccia, la cicogna, nature morte etc.). "Il mio impegno artistico è solo all'inizio, precisa Peppino e molte sono le opere che ho in mente e che intendo realizzare nelle prossime settimane e nel prossimo futuro."

 

Peppino Noce attualmente vive  a Como in Via Isonzo 71. Il suo numero di telefono è 031 590190 ed è lieto di ricevere eventuali suggerimenti, proposte e giudizi critici sulle opere realizzate.

  

  

 

 


Torna all'inizio

                        Enzo Loria, pittore

                   

               Enzo é nato il 29 aprile 1948, a Caccuri (Kr), ma vive e lavora da anni a Mogliano Veneto, in Via A. Boito, 5. Si è distinto, sin da giovanissimo, per la modestia e il pudore che hanno sempre contraddistinto i suoi rapporti con gli amici e i compaesani..
            Ha esposto, oltre che nel suo paese di origine, a Mogliano Veneto, Padova, Venezia, Treviso e San Giovanni in Fiore, Mestre, Weissensteim, Stoccarda e Monaco di Baviera. in mostre  personali e in oltre 200 mostre collettive.
           Alcune sue opere si trovano in collezioni private in Italia, in Germania, Svizzera e Austria. Dal 1969 fa parte del Centro Artistico "G.B. Piranesi".

   
                  Quercia                                                                   Paesaggio lagunare

Di lui hanno scritto:

" Nei paesaggi di Loria regna un silenzio d’altri luoghi, un sospeso richiamo colmo di malinconia. La laguna si perde in una profondità luminosa, verso un infinito, che è solo un sentimento e un presagio, e si trascina dietro le presenze dolci delle case e delle isole. Quelli non sono luoghi per viverci, così depurati dalla materia, dalla scoria, dagli odori, dalla gente : sono metafore per un sogno o una visione disancorati; assistiamo ancora una volta all’ingenuo incantamento d’un uomo di fronte alla magia delle luci, dei colori svaporati, delle atmosfere soffuse e diafane delle lagune venete. E in tale luminosità e in tale spazio, questo giovane si abbandona, in una ricerca lenta, laboriosa, fatta di piccole conquiste, verso l’essenza della luce e dello spazio come luoghi poetici."
                                                                                                               
Plinio Cagnin

                                                                                                                            

"Nei paesaggi lagunari e nelle figure umane ha il potere di trasmettere atmosfere e contenuti che trascendono i valori pittorici per esprimere sensazioni profondamente umani."

                      G. Mugnone

"Quello che Enzo Loria dipinge nei suoi quadri non è tanto il paesaggio lagunare veneziano, quanto il sentimento che esso suscita nell'autore; le immagini, quindi, trasformano le cose allontanandole e rendendole impercettibili, ma in modo tale da rivelare più accentuatamente il carattere di una intuizione che coglie nella realtà tutto ciò che vi è di indeterminabile, di solamente sentito, non misurabile. Le piccole pennellate riprese dal divisionismo danno l'idea di una nebbiolina che toglie il senso del tempo come se certi stati d'animo si staccassero, nel momento stesso del loro manifestarsi, dall'autore e acquistassero vita propria, senza più dileguare."

                               Luigi Scala

Torna all'inizio

Torna all'inizio

Luisa Marino

     Luisa Marino e’ nata a Caccuri nel 1962. Si e' diplomata maestra d’arte nel 1982 presso l’istituto d’arte “Gaspare Oliverio” di San Giovanni in Fiore dove insegna attualmente.

              
                  Raffaello                                                           Clown

Ha collaborato in passato a lavori di restauro di arredi sacri e ha svolto funzioni di tutor in un corso di sensibilizzazione al restauro che si è tenuto a Caccuri. Luisa è specializzata nella  realizzazione di intarsi lignei raffiguranti vari soggetti.

Torna all'inizio

                                        Emilio Drago

                                    

    Emilio Drago e' un giovane artigiano della pietra caccurese discendente da una famiglia di scalpellini molto conosciuti nella zona.  Scalpellino da almeno tre generazioni, Emilio si e' specializzato nella realizzazione di  fontane, panchine, tavoli, caminetti ed altri lavori in tufo o granito  scolpiti con pazienza certosina.

 

       
    
Fontana                                              Panchina                                                     Bibbia

L’artista e' nato a Caccuri nel 1970 ed ha iniziato  a lavorare all'età di 19 anni nella ditta del padre Giuseppe , anch'egli scalpellino. Tra i lavori più importanti realizzati dai due artigiani  si conta la fornitura dei manufatti lapidei per il restauro di Palazzo Arnone a Cosenza e del Palazzo dei Principi si San Nicola Arcella.

  

                                                Torna all'inizio


                                   Nenè Rao

                             

   Nenè Rao è nata a Caccuri, paese nel quale torna ogni volta che può. Pittrice raffinata, ha realizzato innumerevoli quadri che fanno parte di collezioni private in Italia e all'estero. 

        

Una mostra di Nenè Rao   - Clicca qui

              Torna all'inizio



  Torna all'inizio


Torna all'inizio


Torna all'inizio

 

                                                           

                                                                                                                               

 

1   

2   http://s5.histats.com/stats/r.php?371533&100&17&urlr=&www.webalice.it/giuseppe.marino50/Arte/Artisti.htm

3